Riflessioni a raccolta – 211

Se vuoi provare ad umentare l’engagement su Facebook e su instagram devi creare un format grafico riconoscibile e devi evitare di usare dei link che portano all’esterno delle piattaforme. L’algoritmo penalizza molto in termini di visualizzazione tutto ciò che fa uscire dai due social. L’obiettivo è trattenere gli utenti il più possibile nelle piattaforme.

Riflessioni a raccolta – 210

Come ci insegna molto bene Seth Godin, sui social vende chi crea emozioni. Non ha senso essere presente su un social a tutti i costi se poi non sei capace di farti notare.
Questo vale in modo particolare sui nuovi social, dove spesso le aziende mi chiedono di aprire un account solo perché é il social del momento e devono esserci. Ma se non hai una strategia, se non definisci un obiettivo e sopratutto se non crei emozioni, avere una pagina su un social non produce risultati. Ti fa solo perdere risorse ed energie che sarebbe più efficace concentrare su altro.

Riflessioni a raccolta – 208

Per farti conoscere ed apprezzare professionalmente devi produrre contenuti. Devi raccontare te stesso nell’attività lavorativa, nelle strategie che usi per trovare soluzioni alle necessità dei tuoi clienti, nei successi ma anche negli insuccessi. Siamo umani, tutti commettiamo degli errori.

Ma i contenuti devo essere mirati al tuo target di riferimento, al pubblico tuo potenziale cliente. E se il content marketing che produci é davvero efficace, riesci ad avvicinare il target più qualificato e più interessato a lavorare proprio con te. Ti avranno conosciuto per i tuoi contenuti e ti sceglieranno come consulente. Non dovrai convincere nessuno che sei perfetto per loro perché lo sanno già.

Riflessioni a raccolta 206

Quante volte ho sbagliato. Spesso mi sono lasciato travolgere e trascinare dal flusso delle emergenze e delle esigenze di ‘altri’. Mi sono ritrovato a dare priorità alle cose che erano in programma per necessità lavorative.

Ma erano davvero le mie priorità? Molto spesso erano priorità del cliente che aveva i suoi obiettivi specifici, magari anche poco importanti. Ma quel programma di lavoro a me cosa portava? Spesso nulla o molto poco. Routine. Solo quando ho cominciato a dare priorità ai miei programmi orientati a raggiungere i miei obiettivi, le cose sono cominciate a cambiare in meglio.

Quindi dalla mia esperienza, ti invito a fare lo stesso. Focalizza ciò che è importante per te e fai il programma delle cose da fare in relazione alle tue priorità. Così potrai evolvere e crescere.

Riflessioni a raccolta 204

Va benissimo un PED (piano editoriale) per creare sui social contenuti che siano utili a produrre un buon engagement (coinvolgimento, attaccamento emotivo del consumatore nei confronti di una marca).

Ma non dobbiamo assolutamente dimenticare il valore della spontaneità e della semplicità che creano una grande relazione di empatia con chi ci segue. E che probabilmente diventa lo stimolo determinante per trasformare la buona relazione sui social in concrete azioni di acquisto.

Riflessioni a raccolta 203

Per fare un’efficace attività di content marketing sui social, non basta fare un ottimo lavoro di produzione di contenuti di valore e di qualità.

È necessario creare, a monte, una strategia che finalizzi tutto il buon lavoro fatto nella realizzazione dei contenuti a raggiungere davvero il target di riferimento. Spesso manca il ponte con i nostri reali interlocutori e tutto il valore prodotto sui social rimane fine a se stesso.

Social media manager e cliente si potranno solo specchiare nei buoni contenuti e magari farsi i complimenti, ma i veri fruitori della comunicazione non vedranno i post prodotti.

Riflessioni a raccolta 202

Su questa affermazione c’è davvero poco da aggiungere. Se vuoi raggiungere degli obiettivi devi lavorare sodo ogni giorno. Ogni momento della giornata deve essere orientato a produrre e a fare cose che serviranno per realizzare i tuoi sogni. Lo sperimento su me stesso quotidianamente. Tutte le volte che non oriento la mia giornata in questo modo non faccio altro che fermarmi nel mio percorso di avvicinamento alla meta o peggio mi allontano.
È un impegno costante e quotidiano. Certo i tempi sono lunghi, ma quando riesco ad essere davvero costante, i sogni piano piano si avverano.